Erica-erbe medicinali-tisane e applicazioni

                                                   Descrizione:

ERICA ERBA MEDICINALE
ERICA
CALLUNA VULGARIS

L’erica cresce in tutta Europa e abbondantemente, nel nord e nel centro Italia. L’arbusto è alto circa 1 m, ha fiorellini rosa, a volte bianchi, frastagliati. Si utilizzano i fiorellini quando sfioriscono, la raccolta è consigliata da luglio a settembre.

Uso dell’ erica per la bellezza:

  • contro gli arrossamenti della pelle, nelle dermatosi in genere sono utili compresse imbevute di un decotto tiepido di: 5 pizzichi di fiori di erica fatti bollire per 5 minuti in 1/2 litro di acqua.
  • per tonificare la pelle, massaggiare ogni sera con un olio preparato lasciando macerare per circa 15 giorni, 5 pizzichi di erica in 1/2 litro di olio di oliva, filtrato e conservato ben tappato.

Proprietà medicinali dell’erica

per uso esterno:

per migliorare il tono muscolare, aggiungere all’ acqua del bagno, un decotto di fiori di erica ottenuto facendo bollire per 10 minuti 5 manciate di fiori di erica in 3 litri di acqua e filtrato.

per uso interno:

  • il decotto di erica è un ottimo antisettico e calmante delle infiammazioni delle vie urinarie, svolge azione depurativa dell’organismo aiutando l’eliminazione dei grassi e dei residui nocivi. È utile anche nei reumatismi. Il decotto si prepara facendo bollire 10 pizzichi di fiori di erica in 3/4 di acqua per 5-6- minuti e dopo averlo filtrato, si beve durante il giorno, cominciando dalla mattina a digiuno.
  • nelle affezioni delle vie urinarie e particolarmente in quelle della prostata (prostatiti) è utile un decotto preparato con 3 pizzichi di fiori di erica, 3 pizzichi di alburno di tiglio, fatti bollire per 6-7 minuti in 1/2 litro di acqua e, appena spento dal fuoco, aggiunti in infusione per 5 minuti, 2 pizzichi di malva e 2 di timo.
Avvertenze:
Quando si usa un’erba medicinale o un trattamento fitoterapico, (anche se si è sicuri dei suoi effetti benefici) non bisogna mai interrompere la cura prescritta dal medico curante, piuttosto è bene chiedere al medico se si può integrare e in che misura, la cura in atto con il rimedio a base di erbe.
Nella preparazione del decotto o infuso, attenersi sempre alle dosi consigliate dall’erborista.
Ecco di seguito, i link delle schede di altre piante medicinali, dove si trovano anche, allegate, numerose ricette per la preparazione di ottime tisane e applicazioni per la bellezza: achillea millefogliearancio selvatico, bardana, basilico, biancospino, camomilla, cerfoglio, cicoria amara, dente di leone, finocchio, fragola selvaticamaggiorana, malva, melissamenta, olivo, ortica, rosmarino, salviatiglio, timo, verbena.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *