Erbe medicinali-Arancio selvatico-Tisane e uso locale

Arancio Selvatico tisane e uso locale

Erbe medicinali Arancio selvatico Tisane e uso locale
Citrus Aurantium

 

L’arancio selvatico o arancio amaro o melangolo è un albero originario dell’India e della Cina, in Italia è diffuso su tutto il litorale Mediterraneo. Si utilizzano per le proprietà curative, i boccioli, le foglie, la buccia e la polpa dei frutti.

 

Proprietà medicinali dell’arancio selvatico

 uso interno: 

sia la polpa che i fiori e le foglie hanno effetti calmanti sulle persone nervose e sono consigliati nei casi di crampi allo stomaco palpitazioni, aiutano nella digestione e negli stati febbrili.

Tisane:  ( in abbinamento con altre erbe medicinali )

  • come antidepressivo: 2 pizzichi di foglie o fiori di arancio, 1 pizzico di tiglio, 1 pizzico di rosmarino, lasciati in infusione 4 minuti in una tazza di acqua bollente.
  • come digestivo: 1 pizzico di fiori di arancio, 2 pizzichi di anice, 1 di maggiorana, lasciati in infusione per 2 minuti in una tazza di acqua bollente.
  • nei casi di tosse bronchiale: 1 pizzico di foglie o fiori di arancio, 1 pizzico di timo, 1 di malva, 1 di tiglio, 1 di issopo, lasciati in infusione per 3 minuti in una tazza di acqua bollente.

uso esterno:

 il decotto di fiori di arancio selvatico, preparato con foglie e fiori e aggiunto all’acqua del bagno, calma le crisi di nervi, anche forti.

Uso per la bellezza:  l’infuso di boccioli è un ottimo calmante delle irritazioni della pelle, si prepara lasciando in infusione per 25-30 minuti, una manciata di boccioli in un litro di acqua calda già bollita. Si usa per vaporizzazioni sulla pelle, preferibilmente tiepide.

La polpa di arancio selvatico, applicata sul viso per 15-20 minuti rilassa i lineamenti, ammorbidisce la pelle e ritarda la comparsa delle rughe: applicare anche più di una volta, su viso collo e spalle e asportare con un tonico preparato con 5 pizzichi di fiori di arancio selvatico lasciati in infusione 15 minuti in un litro d’acqua.

Vedi: maschere per il viso con la frutta

Avvertenze:
Quando si usa un’erba medicinale o un trattamento fitoterapico, (anche se si è sicuri dei suoi effetti benefici) non bisogna mai interrompere la cura prescritta dal medico curante, piuttosto è bene chiedere al medico se si può integrare e in che misura, la cura in atto con il rimedio a base di erbe.
Nella preparazione del decotto o infuso, attenersi sempre alle dosi consigliate dall’erborista.
Ecco i link delle schede di altre piante medicinali, con allegate numerose ricette,  di ottime tisane, e di applicazioni per la bellezza: achillea millefoglie, alburno di tigliobardana, basilico, biancospino, camomilla, cerfoglio, cicoria amara, dente di leone, erica,  finocchio, fragola selvaticamaggiorana, malva, melissa, olivo, ortica, rosmarino, salviatiglio, timo, verbena.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *