Biancospino, tisane e uso cosmetico

Biancospino-tisane e uso cosmetico

 

Il  Biancospino,  nome scientifico Crataegus Oxyacantha, è un arbusto di misura variabile, che cresce in quasi tutti i paesi.

In Italia, il biancospino cresce nei boschi, formando cespugli intricati con rami spinosi. Ha scorza  grigio chiara,  foglie verdi, increspate e lucide,  fiori bianchi, frutto a drupa rosso.

Si utilizzano la corteccia, le foglie , i fiori e i frutti. si consiglia la raccolta della corteccia e dei fiori da aprile a giugno e dei frutti in autunno.

Uso per la bellezza: Il decotto di biancospino, preparato facendo bollire per 10 minuti in 1/2 litro di acqua, 5 pizzichi di foglie e fiori, lasciato raffreddare e filtrato è un ottimo astringente per pelli grasse. Applicare in compresse tiepide.

Biancospino
vaso farmacia

Proprietà medicinali del biancospino

uso esterno:

Contro la lombaggine e i crampi allo stomaco, sono consigliati impacchi caldi di un decotto  preparato con 2 pizzichi di fiori di biancospino in 1/2 litro di acqua, fatti bollire per 10 minuti. Lo stesso decotto usato freddo in compresse sulla fronte, da sollievo nelle emicranie di origine nervosa.

uso interno:

Il biancospino ha in genere effetto calmante, quindi è consigliato per chi dorme male, per chi soffre di tachicardia o ha difficoltà respiratorie, per gli ipertesi e le persone ansiose; svolge azione protettiva contro l’aumento di colesterolo nel sangue e l’arteriosclerosi, la corteccia e i frutti aiutano in caso di febbre e diarrea.

Tisane con biancospino:

Per un buon sonno ristoratore: bere la sera una tazza di infuso composto da 1 pizzico di biancospino, 1 di melissa, 1 di arancio selvatico, 1 di tiglio e 1 di maggiorana, lasciati in infusione per tre minuti in una tazza di acqua bollente.

  • Per chi soffre di tachicardia, difficoltà respiratorie, ipertensione, colesterolo alto: è consigliabile  2-3 volte al giorno un’ infuso di 2 pizzichi di fiori di biancospino lasciati in infusione 3 minuti in una tazza di acqua bollente.
  • Per combattere la febbre: bere durante il giorno un decotto ottenuto con 5 pizzichi di corteccia (essiccata) tritata in 1/2 litro di acqua.
  • Contro la diarrea: bere bicchierini di un decotto ottenuto facendo bollire per 10 minuti 10 pizzichi di frutti (essiccati) in 1 litro di acqua.

Ecco i link delle schede di altre piante medicinali, con allegate numerose ricette,  di ottime tisane, e di applicazioni per la bellezza: achillea millefoglie, alburno di tiglio, arancio selvatico, bardana, basilico, camomilla, cerfoglio, cicoria amara, dente di leone, erica,  finocchio, fragola selvaticamaggiorana, malva, melissa, olivo, ortica, rosmarino, salviatiglio, timo, verbena.

Nella prima parte di questa serie di articoli si è parlato delle erbe medicinali, delle loro virtù, di come si  preparano decotti,  infusi e impacchi; di quali sono le avvertenze e precauzioni nell’uso, vedere  l’articolo qui

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *