Van Gogh-Alberi di pesco in fiore-Analisi

Van Gogh-Alberi di pesco in fiore

Nel 1888, probabilmente alla ricerca della luce e dei colori che aveva ammirato nelle stampe giapponesi, Van Gogh si trasferì ad Arles, nel sud della Francia e lì, l’anno seguente, dipinse questo quadro: «Alberi di pesco in fiore».

Questo dipinto è uno dei sei studi sulla primavera eseguiti dall’artista nel 1889,  periodo in cui ebbe spesso a lamentarsi col fratello delle difficoltà che doveva affrontare nel dipingere la breve stagione della fioritura. A differenza di Gauguin, Van Gogh non usò per le sue opere immaginare i soggetti, ma preferì ispirarsi dal vero.

Analisi del dipinto:

In questo paesaggio, il colore dei fiori è stato dato su una tinta già asciutta, per questo motivo si pensa che l’opera sia una rielaborazione di ricordi, del periodo trascorso dall’artista a Saint Rémy. Come nella tecnica impressionistica, il colore ha quasi sempre un’aggiunta di bianco.  Lo strato di tinta è opaco e coprente. La pennellata segue le trame e le forme dei soggetti, ed è molto descrittiva. La densità dell’impasto di colore mette in risalto la materia del quadro ma l’attenzione dell’artista è volta a rendere l’idea di spazio e di profondità. Il dipinto nel suo insieme è luminoso e brillante con alcune tonalità più smorzate, che sembra presagiscano  le opere successive.

Il cielo

Il cielo, dipinto con tinte leggere (bianco con una punta di blu nella parte alta e grigio rosato verso l’orizzonte) è l’unica zona dove è possibile scorgere la tinta dell’imprimitura. Sul primo strato, sono state date brevi pennellate orizzontali di blu freddo e verde chiaro.

La tela

La tela usata da Van Gogh per questo «Alberi di Pesco in Fiore» è di poco prezzo ed è coperta da un leggero strato di colore avorio, che  lascia intravedere la grossa trama della stoffa, maggiormente dove la tinta è meno densa.

 

Proseguiamo l’analisi ponendo l’attenzione su alcuni particolari dell’opera

Nelle immagini successive possiamo notare come Van Gogh ha reso l’effetto della lontananza (part. 1) usando per i secondi e gli ultimi piani pennellate man mano più piccole e più fuse rispetto a quelle usate per il primo piano, che sono più corpose e separate fra di loro. I colori usati sono sempre coprenti. L’effetto arioso è dato dalle pennellate verdi o viola sullo strato di terra di Siena ancora fresco (part. 2). Per queste tinte, è stato probabilmente usato un pennello morbido, infatti si sono fuse molto poco con lo sfondo, conservando la loro forza. Per la recinzione, i tocchi di giallo chiaro e viola, sono stati passati su colore abbastanza asciutto. Il sottile strato di tinta chiara ed opaca è stato lasciato asciugare, prima di passarvi sopra pennellate orizzontali di colore più saturo e brillante: queste macchie fanno del cielo un elemento più vicino alla tecnica puntinista, ma in ogni caso, in grado di dare molta ariosità al quadro.

 

Van Gogh – Alberi di pesco in fiore

Per la pittura del cielo e del primissimo piano, la pennellata è meno descrittiva, più simile ad un tocco divisionista. I colpi di colore sono larghi e distanziati e la direzione verso cui sono stati dati, è orizzontale nel cielo e diagonale sulla strada ed ha lo scopo, nell’ angolo in basso a destra, di caratterizzare le due superfici.

 

 

 

Ti potrebbero interessare:

Claude Monet-Autunno ad Argenteuil

Pablo Picasso-Chitarra

Klimt- Il bacio -Giuditta II

Rembrandt-Il bue macellato-I Sindaci

Paul Cèzanne-Natura morta con figura in gesso

Museo Van Gogh di Amsterdam

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *