dopo impressionismo

Il dopo impressionismo (seconda metà del XIX sec.)

Il dopo-impressionismo, nella seconda metà dell’ottocento, apre la strada alle numerose sperimentazioni artistiche del novecento, secolo in cui, grazie anche allo sviluppo dei sistemi di informazione, l’arte perde il carattere regionalistico e si apre ai più disparati apporti, preparandosi a diventare patrimonio di ogni popolo.

Come iniziarono a svilupparsi le ricerche pittoriche

I fondatori dell’impressionismo e del puntinismo erano ancora attivi, quando cominciarono a svilupparsi in Francia ricerche pittoriche svolte singolarmente da alcuni artisti.

Ma qual’era il fine di questi artisti?

Il fine di questi artisti,  Paul Cèzanne, Vincent Van Gogh, Paul Gauguin, Henry De Toulouse-Lautrec, era una rappresentazione più impegnata di quella impressionista e più legata all’espressione di idee e stati di animo, sia personali che generali.

I risultati ottenuti 

I risultati ottenuti da ogni singolo artista sono talmente importanti da costituire le basi  della nascita e dello sviluppo di alcune delle più importanti correnti artistiche pittoriche della prima metà del Novecento.

Vediamoli singolarmente:

– la sintesi plastico-volumetrica di Cèzanne

dopo impressionismo immaginiDopo l’esperienza con gli impressionisti, Paul Cézanne comincia a sviluppare un linguaggio pittorico personale, cioè, va alla ricerca dell’essenza strutturale e sintetica della realtà, superando così la visione impressionistica basata sulla rappresentazione della mutevole apparenza delle cose.

i colori

Per Cézanne, il colore serve a mettere in evidenza il volume delle cose, invece che ad esaltare gli effetti della luce che, nell’impressionismo, dissolve il volume in sensazioni ottiche, più superficiali.

Il carattere durevole del mondo e delle cose, viene così espresso da Cézanne, attraverso una meticolosa ricerca compositiva che sintetizza ed esalta i soggetti trattati. Nel contempo, l’artista individua per la pittura, regole espressive proprie, indipendenti dalle sembianze oggettive della realtà.

Inizia così il cammino verso la pittura moderna.

– l’espressione dei sentimenti di Van Gogh

Inizialmente basata sui colori scuri, dopo i contatti con gli impressionisti e i puntinisti, la pittura di Van Gogh, inizia a trasformarsi. L’artista, staccatosi da queste correnti, matura un’espressività personale in cui  colore, materia, gestualità e segno sono portati al massimo della tensione.

i colori

I colori sono spesso stesi sulla tela direttamente, mediante la premitura dal tubetto, e poi rimodellati col pennello, a colpi veloci, che lasciano tratti a volte, di colore e spessore diversi.

L’arte di Van Gogh  travolge sia l’innovazione scientifica di Seurat che la sintesi fisica di Cézanne, per l’espressione intensa dei propri sentimenti e sensazioni.

– le irreali atmosfere di Gauguin

dopo impressionismo
Gauguin-Donna con Mango

Paul Gauguin, compie studi individuali e di gruppo con altri artisti di avanguardia, fra i quali, Van Gogh.

Dopo il trasferimento a Thaiti, in Oceania,  realizza le sue opere più significative.

 i colori

La pittura di Gauguin è costituita da colori puri, spesso stesi in campi piatti e in forte contrasto tra loro. Le forme sono semplificate e la profondità prospettica, appiattita. La composizione diventa armonia di stesure cromatiche accostate con effetto molto decorativo. Così la realtà si trasforma in un magico gioco di atmosfere irreali che esprimono il mondo interiore e la spiritualità dell’artista.

– la tristezza delle espressioni di Toulouse-Lautrec

A causa della grave menomazione fisica che lo tormenta, Henry de Toulouse-Lautrec, frequenta soprattutto quei luoghi, di Parigi, (caffè, teatri, ritrovi) dove il suo aspetto viene accettato senza problemi. I personaggi di questi ambienti sono i soggetti dei suoi quadri (acquarelli, litografie, pastelli, olii) per i quali oltre alla tela, utilizza un cartone giallastro, che lascia largamente in vista soprattutto negli sfondi. Dei suoi soggetti, Toulouse-Lautrec, studia il movimento della figura e mette in evidenza l’espressione, spesso triste e pensosa.

Altre correnti del dopo illuminismo

Il grande fermento culturale e artistico dell’ottocento, genera profonde riflessioni sull’arte e sulle sue finalità.

Oltre a quelle citate, altre correnti furono: il Simbolismo, il cui concetto-guida è che alla base della creazione artistica non ci sono l’analisi e la riproduzione del mondo reale, ma il mondo intimo e delle idee; il gruppo dei nabis (in ebraico profeti) che si rifà alle opere dei primi simbolisti e alle arti orientali creando un raffinato decorativismo che crea le basi per la nascita dell’ Art nouveau.

 

toulouse-lautrec immagini
Henry de Toulouse Lautrec (1864-1901), La Goulue, manifesto pubblicitario per il Moulin Rouge 

 

toulouse-lautrec, artisti dopo impressionismo, immagini pittura 800, arte 800, arte sec.XIX
Henry de Toulouse Lautrec Moulin Rouge, olio su cartone. Chicago, Art Istitute

 

 

 

 Art Institute, Chicago

 

 

 

 

 

Articoli simili nella categoria arte e cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *